Malta & Gozo

Malta si solca nel sole del bacino Mediterraneo, fra la Sicilia e la Libia. Il piccolo arcipelago a una storia tanto rilevante quanto la sua posizione geografica. Mistero, tragedie e eroismo colorano il suo passato; il destino di Malta, piu` che una volta, ha svoltato la sotria dell'Europa. Conquistatori e liberatori hanno passato per queste isole sin dall'era della Pitra. Ci sono piu` siti archelogici che spiaggie. Vista da qualsiasi perspettiva, Malta rimane una nazione molto piccola. L'isola centrale e meno di cento volte piu` piccola della Sicilia; la seconda isola, Gozo, e poco piu` grande di Lampedusa. Gozo, la quale e` piu`feritle di Malta, e mono popolata e meno frequentata dai turisti, e possiede un carattere li per li`, tutto suo. Comino, l'isola piu` piccola sparsamente popolata o quasi con nessun abitante, si vede benissimo dal ponte del tragetto che collega Malta a Gozo. La area della superficie di tutto l'arcipelago e di 316 km qd. (122 milie qd), un po piu grande dell'isola d'Elba allora.

 

La popolazione numera 375,000 abitanti, la maggioranza di loro parlando bene l'Inglese e anche` un' po d'italiano. Comunemente si trovano reperti di epoca Romana a Malta. Migliaie di anni ancor prima dell' Impero Romano, gl'abitanti dell'isola erano persone che avevano costruito templi molto grandiosi. Queste imprese edfiche di epoca della Pietra sono ancor piu` impressionanti quando uno considera che sono piu` vecchi delle piramidi Egizzi e l'affascinante cerchio di Stonehenge. Nessuna cultura preistorica, altrove in Europa, aveva mai creato monumenti di questi dimensioni e complessita`. La cosa piu` frustrante e che poi questi popoli che ci hanno lasciati queste memorie di pietra, sono poi spartiti con nessun apparente motivo. Non sappiamo veramente chi erano o dove sono andati. Nell' inizio del sedicesimo secolo il Sovrano Militare Ordine di Malta, i Cavallieri di San Giovani, furono espulsi da Rodi dalle forze Turche di Suleiman il Magnifico. I cavallieri, cercando un porto rifugio durante una tempesta, sceglerono di entrare a Malta. Sono rimasti qui per due secoli e mezzo pagando il prezzo di un falco peregrino all'anno al rappresentante del re di Spagna.

Nel 1565, gl'Ottomanni assedierano Malta. Per quattro mesi, ambo le parti, anche degl'innocenti Maltesi, sofrirono gravi perdite, pero` l'isola affronto gl'attacchi con ardore e sopravennero.

I cavallieri, adesso triomfanti pero` consapevoli di possibili futuri combattimenti, scelsero di costruire una citta fortificata su un promontorio dominante una delle piu` grandi porti naturali in Europa. La sopranominarono Valletta, dopo il Gran Maestro Jean Baptiste Parison de la Vallette. Altre citte, ancor piu istoriche, hanno le loro caratteristiche e distinzioni, e quasi ogni villagio e da vedere e visitare. La topografia fra di loro e del tutto piatta cossiche` non ci sono montagne o fiumi. Il paesaggio e circoscritto con mure a secco per protteggere dall' erosione del suolo. In primavera le piante in fioritura colorano vivacemente la campagna.

Informazione sulgi itenrari

Valletta - questa e` la citta che i Cavallieri di San Giovanni di Gerusalemme costruirono dopo il Grande Assedio del 1565. C'e` qualcosa per ogni interesse: Si visita al meglio durante il tarde pomeriggio, quando e` al momento piu` bello e vivace , col sole in tramonto che indora la pietra franca, tradizionalmente biancastra di colore. Non c'e` un posto piu bello e pittoresco che i giardini della Barrakka Superiore, un piccolo parco litterlamente imperticato sul bordo della citta`. da' Li`, guardando dritto in giu`, portrete osservare la Banchina di Pinto e la Vecchia Dogana. Fra le tante attrazzioni nel giardino ci sono l'erbatura, busti e altri monumenti e la tranqullita` e la pace che regna li dentro. Il Museo Archelogico. Il museo si trova dento il palazzo Auberge de Provence, del sedicesimo secolo, uno delle piu` importanti locande dell' epoca cavallerseco di Valletta. Il con-catedrale di San Giovanni, costruita nel sedicesimo secolo, e stata edificata, letteralmente sulle ossa dei Cavallieri. Centinaia di loro si trovano sepolti li sotto il complesso di mosaici in marmo, che decorano il pavimento del cattedrale. La parte esterna del cattedrale puo essere giudicata dal turista ingengnose come tetro o scialbo, per l'interiore in arte e stucco di epoca barocco cositiuisce un esempio singolare di arte magnifica. Al livello superiore si trovano gli arazzi e paramenti di notevole valore, donatti alla chiesa da cavallieri ricchi.

Casa Rocca Piccola - In fondo a Strada della Repubblica, oltre la Piazza del Palazzo, una famiglia nobile Maltese, ha aperto le porte del loro palazzo per il pubblico. Costruita alla fine del sedicesimo secolo, la casa e dotata del proprio cappella e una camera da pranzo che accomoda sedici persone a tavola. Potrete ammirare la camera da letto ammobigliata con letto baldacchino e docrata con stuette e dipinti religiosi, il salotto per gl'ospiti e quello personale. All'inizio, mentre la Valletta cominicava a prendere forma, gl'Ospdeallieri, che cominciarono a medicare i maltai nell'undicesimo secolo, costruirono un grande ospedale al punto estremo della penisola. La sala principale era 155 metri in lunghezza (509 piedi), e, proporzionalmente 11 metri (36 piedi) in altezza. All’epoca fu la piu` grande sale ospedaliera in tutta l’Europa. I cavallieri accoglievano ogn’uno che era malato, indistintamente da fede o stato sociale e curavano i maltati come dei signori – con rispetto e umilta`. Il tenore della cura medica era molto alta e i pazienti furono serviti su piatti di argento. Adesso La Sacra Infermeria e stata trasformata nella Centro Mediterraneo delle Conferenze – un copioso lugo per convegni o concerti. La sala dei banchetti, con soffita voltata a forme di crocefisso, e abbastanza sontuoso.

I sobborghi di Sliema e San Giuliano – Il sobborgo di Sliema e cresciuta nelle sue dimensioni in questi ultimo anni ed e piu` vivace e animata del capoluogo la Valletta. Questo e` il posto in cui sia i Maltesi e i turisti vanno a fare le loro compere e acquisti, a mangiare e bere, facedno vasche sul lungomare e a prendere il sole. Se le spiaggie, essendo rocciose, non sono fra i migliori che puo offrire l’isola, la citta` poi compensa con le attivita` commerciali. Grattacieli di alberghi e appartamenti continuano per l’infinito. La vista di notte, della Valletta da Sliema, e` imprezzabile. Per una guardata da piu` vicino, prendete uno delle gite tirustiche con navetta che partono con regolare frequenza dal porticciolo. Oltre la Sliema, San Giuliano, precedentemente un villagio di pesca, e` la citta` pi` vivace, La Valletta essendo moribonda di notte. La villegiatura e munita di ristoranti di ogni paese del mondo, un infinita` di pub, bar, club e discoteche – e da non ignorare, il piu` grande casino di tutta l’isola – Drogonara Point. Alberghi di fama internazionale si trovano sul litorale della baia di San Giorgio.

All’interno 

Mdina, Rabat, Buskett, Mosta. Un’ altro monde si nasconde dietro la confusione e le intasazzioni delle villagiature estive. Villagi e centri storici, ben forniti di chiese e leggende, sono sparse ovunque il paesaggio, comunmente duro e roccioso. Mure a secco, costruiti con vera maestria, proseguono per milie, dividendo parcelle di terre di suolo riarso. Per la maggior del tempo, tranne per i periodi di aratura e di raccolta, l’attivita` agricola pare assente e i contadini rimangono dentro.

 

Mdina

Impressionanti sono le antiche muraglie fortificate della citta di Mdina, viste dalla pianura sottostante. Perticata su un promontorio alto , i baluardi e le cupole di Mdina dominano l’orizzonte. Si prospetta che la storia della citta` porta in dietro di 4,000 anni. I suoi anni d’oro furono durante l’epoca Romana quando la citta, detta Melita, era il capo luogo dell’isola.

Sobria, calorosa ed esteticamente bilanciata, la facciata del Catedrale di San Paolo fa buon introduzione a una delle chiese piu` maiestosi di Malta Di fatti e` un con-catedrale, dividendo gl’onori con quella di San Giovanni alla Valletta]. Caminando per le stradine di Mdina, passerete per case aristocratiche del 16° e 17° secoli; La piu vecchia fra di loro, il Palazzo della santa Sofia, reclama di avere un pian terreno costruita nel 13° secolo. Vagabondate liberamente- le stradine tortuose furono disegnati per provvedere ombra e anche per confondere invasori – e notate i vari dettalgi architettonici, rappresentanti secoli di cultura. Certo da non perdere e` la vista panoramica nella Piazza del Bastione, dalle muraglie circoscriventi. Da questo punto potrete osservare l’isola fino alla Valletta e la Bajja di San Paolo; la veduta panoramica libera di tutte le solite rotte presi dagli invasori doveva essere la risorsa piu vantaggiosa dei sentinelli.

Rabat

Il nome di questo luogo proveniente dall’Arabro sussiste tutt’ora, pero` la Rabat era importante ancor prima dei suoi tempi moreschi. Ha prosperato sotto il domigno degl’antichi Romani e i primi Christiani. Sprovvista di fortificazioni per protezione, la citta` e molto piu` grande e popolata della Mdina, di qui essa e` un sobborgo. Appena fuori i giardini confinanti il fossato della Mdina, una villa Romana e` stata scoperta e scavata durante il 19° secolo. Costruita nel 2° secolo A.C., la casa si presume era propieta di un funzionario o negoziante Romano; nell’atrio ci sono posti degl’ interessantissimi mosaici con effetto tri-dimensionale ben risucito. Ci sono anche dei ritratti splendenti formati con mattonelle. Nel museo che accompagna la casa potrete ammirare dell lavoro in vetro e amfore Romane, una pressa per olive, iscrizioni funerarie Arabe eppure anche una pietra tombale Ebraica.

Le Catacombe di San Paolo

I primi Christiani Maltesi facevono seppellire i loro morti dentro delle catacomb, che scolpirono loro stessi dal basamento. Emulando i Romani, tenevano feste funebri attorno a tavole agape [dal Gr. Agapas = amore ]. I cimiteri sotteranei creano un favo di gallerie su vari dislivelli sotto la citta di Rabat, alcuni di loro a profondita` di 7 metri sotto il suolo. Sono pieni di dettagli interessanti (anche se tanti di essi sono stati sacchegiati), ma le strette, basse e lunghe gallerie in quasi totale oscurita, non sono fatte per i clastrofobici. Portate con voi una torca eletrica prima di arrivare alle Catacombe di Sant’ Agata, dove le catacombe maggiori si accedono da una chiesa sotterranea. La cripta di Sant’ Agata, all’inizio, fu una caverna, dove la futura santa, fuggendo da suoi segugi, dormiva e pregava. Molto piu avanti, la caverna si trasformo in una basilica sotteranea, decorata con affreschi del 12o secolo.

Buskett

Proveniente dall’italiano ‘Boschetto’, la Buskett e l’unika foresta o selva che in ezistenza a Malta. Sono maggiormente cedri e pini che la popolano con qualche frutteto di agrumi. Alla fine di Giugno i maltesi celebrano la festa di San Pietro e San Paolo con tradizionale danza, musica, pientanze tipiche e fali che dura tutta la notte dentro i giardini di Buskett.

Mosta

La Cupola della chiesas di Mosta e ben visibile da tante parti dell’isola. Domina una citta` di 15,000 persone ed e` reputabilmente la quarta piu grande cupola sospesa in assenza di sorrezione, in tutta l’Europa – non dissimile a San Pietro a Roma. Durante la Seconda Guerra Mondiale, mentre si celebrava messa con qualche centinaia di persone assemblati, una bomba Tedescha pesante 500 libre penetro` la cupola. Si balzata sul pavimento, col sollievo di tutti i presenti, senza esplodersi. Una copia della bomba difettosa, e ora esposta sul luogo.

Siti Preistorici

I siti archelogici di Malta confondo i menti dei piu` bravi archaelogi. Anche` il non studioso dovrebbe rimanere affascinato dal eta` dei templi neolitici, l’ingegneria avvanzata adoperata, i loro misteri. C;e` ne sono 33 templi dell’era della Pietra su 18 siti diversi.

Gozo

L’isola di Gozo e` molto piu` verdeggiante e tranquilla della sorella maggiore Malta, ed e deltutto incantevole. E` tre volte meno in grandezza di malta, con una densita` di popolazione inferiore. Gozo e` circondata da colline dotate di cime piatte, inframezzati di guglie e cupole, un paesaggio fiorito ove gole austeri e porosi aprono su valli lussuregianti, che producono tutti gl’ingredienti giusti per una buona insalta isolana – pomodori, lattuga, olive, cipolle e capperi.

Centinaia di mure a secco separano i campi con disciplina. Pietre erano adoperate per costruire le fortificazioni della citadella dell’isola [operazioni cominciate durante l’epoca Romana], i forti, i templi di Ggantijja, meraviglie archeologici quest’ultimi di fama mondiale. Ci sono anche delle spaigge molto belle. Essendo sprovvista di aeroporto, la Gozo e` soltanto raggiungible per mezzo di tragetto o idrovolante questo a fatto in modo di rallentare il passo della vita a Gozo e a tenere a bada un’eccesso di influsso di turisti. Pero` tutti quelli che hanno scoperto il segreto dell’isola non vorrebbero che cambiassero le cose mai.

 

Comino

Potrete benissimo vedere l’isola di Comino dal tragetto che naviga fra malta e Gozo. Puo` sembrare come un’ isola dura e deserta, pero` non ti fare ingannare perche` ci sono nascosti qui delle bellezze naturali imparagonabili. Qua si parla specialmente del suo mare cristallino protetto, cosi` limpida che i subacquei ne rimangono mesmerizzati. In primavera, l’atmosfera si profuma di erbe e fiori selvatiche cosi` fortemente che da alla testa. Il nome di Comino deriva dalla spezia cumino, dove la pianta che la produce si trova in abbondanza. C’`e` anche il timo selvatico che fa si’ che le api di Comino rimangono sempre indaffarati. Comino e ideale per quelli che voglio scappare dalle realta` mondani e giornalieri. Un’ albergo discreto di lusso sfrutta le possibilita` di attivita` sportive e il suo fascino di essere libero di traffico e mezzi di trasporto. La Laguna Azzurra, parzialmente coperta dalla minuscolo isolotto di Cominotto viene invasa da visitatori di giornata per fare sub, e quelli che fanno barca a vela non possono resistere la tentazione di girare le altre sue spiaggie meno note. Pero` tutto si tranquilizzi verso sera presto, quando la pace viene ancora a vegliare e regnare di nuovo.

Informazioni utili

Abbigliamento – In estate dovrete portare un abbigliamento moto leggero, particolarmente nella stagione piu` calda da meta Luglio a meta Settembre. Altri indumenti poco piu pesanti potrebbero essere necessarie durante le serata primaverili, autunnali e certamente di inverno. I maltesi sono rigorosamente Cattolici e prendono la loro religione molto sul serio, e allora di rigore coprire le spalle e le gambe durante visite in chiesa.

Carte di Credito –Carte di Credito internazionali popolari sono di gran lunga accettati. Comunque, le citta sono ben fornite di Bancomat per la fornitura di contanti e i Eurocheque e altri assegni di viaggio possono essere cambiati in banca e posti cambio.

Salute

Non e` indacata qualsiasi tipo di vacinazzione o immunizzazione d’obbligo e neanche` nessun tipo di prevenzione sanitaria. Tutt’ ora si consiglia ai nostri stimati ospiti di fare registrazione prima della vostra partenza, per la Tessera Sanitaria Europea, che viene fornita dal vostro stato gratuitamente, per essere intitolati a cura medica gratuita durante la vostra permanenza qua a Malta, nelle strutture sanitarie statali. Un’ paticolar disagio durante la stagione estiva e la elevata presenza di mosche e zanzare. Vari pomate repellenti e cure post-traumatiche sono di facile reperibilita` dalle farmacie locali.

Mance

Alcuni ristoranti fanno pagare il coperto e servizio. In questi casi e ancora indicate la manca per il personale. La consuetudine e` di pagare da 5% a 10% del conto ai camerieri e 10% ai tassisti.

Acqua

Tutta l’acqua che proviene direttamente dal servizio statale e potabile e cosi` bevibile. Detto questo non e` consigliato a scanso di povero sapore. L’acqua in bottiglia e preferibile.

Moneta

La moneta nazionale e` la Euro

Passaporto e visto di soggiorno.

Non e d’obbligo l’uso del passaporto per entrare su territorio Maltese, e nemmeno necessita un visto di soggiorno. Per quelli di nazionalita italiana basterebbe una carta d’identita` valida per l’espatrio.

Tempo

Essendo cosi` vicino al Nord Africa, il tempo di norma e` caldo e solegiante. La stagione piu` calda comincia a meta Luglio a meta Settembre, dove le temperature medie salgono oltre i 30° C [oltre 80F]. Pioggia e’ sparsa con, statisticamente, la stagione piu` piovosa comincia a Ottobre fino a Gennaio.